Senza dover uscire di casa per una consulenza, la startup Restylit guida online tutti gli imprenditori che vogliono ripensare il proprio locale e metterlo a misura di sicurezza, senza dover aspettare tempi biblici e spendere eccessive somme di denaro con Restylit.

MILANO – In un momento cruciale per l’economia italiana, in cui tutti insieme si sta pensando a una riapertura che consenta agli imprenditori e ai dipendenti di tornare operativi riducendo al minimo il rischio di contagio, le possibili soluzioni vanno cercate e analizzate con attenzione. Il settore dell’hospitality e dei pubblici esercizi hanno la necessità oggi più che mai di ripensarsi, evolversi in termini di spazi e servizi. Come fare senza commettere errori e sprecare energie e risorse? Rivolgersi a dei professionisti è sicuramente la via. Per questo abbiamo parlato con il team di Restylit, startup autofinanziata, nata nel 2018.

Prima azienda in Italia di interior design online con però una lunga storia alle spalle: un’eredità di 65 anni strettamente legata all’evolversi dell’architettura italiana residenziale e dell’hospitality. Ovvero il business che sta più a cuore di quest’impresa e su cui agisce, soprattutto oggi, per rispondere alle nuove esigenze del mercato di fronte al virus.

Da dove nasce la vocazione di Restylit per l’Hospitality

“La vocazione per questo splendido mondo nasce principalmente da due fattori: il family business da cui proveniamo ovvero uno storico studio di architettura italiano che ha lavorato molto nella progettazione e costruzione di edifici legati all’hospitality (soprattutto hotel e complessi turistici) e la personalità dei due co-founder di Restylit unita a quella del team, con un grande amore per i viaggi e le esperienze che consentono di “vivere” il luogo in cui ci si trova, quindi frequentando molti ristoranti, hotel e bar.”

Che cos’è, per il pubblico italiano che ancora lo conosce poco, l’interior design-online?

“Ad oggi l’interior design online è particolarmente legato allo shopping online di arredo e decor, nel nostro Paese. Significa che gli italiani sono vicini all’interior design se parliamo di rinnovare il look dei propri arredi ma ancora non avezzi a farsi progettare interamente gli spazi da un architetto di interni, ancora meno online. In questa spiegazione si trova il senso per il quale siamo nati! Questo per quanto riguarda il privato.

Nel B2B ovvero l’hospitality, troviamo invece imprenditori che hanno già coscienza dell’importanza dell’interior design e qui la sfida è da un lato quella di continuare a far comprendere l’importanza di una location di livello per l’esperienza da offrire al cliente e dall’altro quella di far comprendere come questo si possa ottenere con l’aiuto di un’azienda che opera online e con molta esperienza nel settore. Ciò significa risparmio economico e rapidità di esecuzione. Crediamo che questo possa avvicinare ancora di più il settore al nostro lavoro.

Come funziona per il cliente che in questi giorni è a casa e vuole ripensare il suo locale?

“Noi facciamo tutto online, quindi siamo abituati ad interagire con persone di tutte le latitudini. Ogni cliente ha a disposizione un interior designer per supportarlo nella realizzazione dei suoi progetti. Indicativamente parliamo di cifre che vanno dai 15 ai 50 euro al mq per un progetto di ristrutturazione completa Ma c’è di più: il nostro shop online di arredo e decor offre la possibilità di essere gratuitamente supportati da un nostro interior designer nella scelta degli arredi migliori.

Tornando alla domanda iniziale, in questi giorni complessi dobbiamo tutti auspicarci che i futuri interventi governativi possano in qualche modo agevolare le future sfide del settore, anche semplificando a livello normativo gli adempimenti necessari per apportare modifiche al proprio locale. I punti su cui sicuramente è bene ragionare già ora sono sicuramente: il nuovo layout del locale, gli interventi di messa in sicurezza, l’offerta commerciale ed il nuovo business plan così come la comunicazione ed il marketing per la ripartenza.”

Perché investire nell’interior design oggi, in un momento di crisi, ripagherà nel prossimo futuro?

“In questo settore investire nell’interior design ripaga sempre. In questo momento in cui necessariamente si devono rivedere alcune cose come ridisegnare il layout di un locale piuttosto che la creazione di un soppalco, potrebbe essere intelligente sfruttare l’occasione per rinnovare gli spazi con l’aiuto di un professionista in modo da avere un vantaggio immediato (e necessario) ma anche uno sul lungo periodo. In Restylit cerchiamo sempre di creare ambienti che rispecchiano il nostro dna italiano. Location con un design senza tempo che sappiano emozionare per altri 20 anni almeno.”

Quali possono essere le modalità per il futuro dei bar per un servizio che faccia sentire al sicuro i clienti, nella riorganizzazione degli spazi contro l’assembramento?

“Dobbiamo necessariamente attendere le disposizioni normative in tal senso ma sembra necessario dover rispettare quasi due metri di distanza tra i tavoli. Un altro tema fondamentale sarà quello di ragionare sul servizio al banco, distanziando sia gli operatori che gli avventori.

Noi abbiamo iniziato a ragionare su dei separè in plexiglass che però non siano asettici, bensì diventino degli elementi di design a discesa dal soffitto e con delle particolari lavorazioni. Per chiunque abbia una cucina, l’home delivery sarà un asset molto importante da sfruttare così come, ancor di più, chi possiede dehor e spazi esterni.”

Come ripensare il servizio ai tavoli?

“Sarà un mix tra nuove normative e buon senso, cercando di creare percorsi e modalità di servizio che garantiscano l’adeguato distanziamento sociale con i clienti. Probabilmente obbligatorio l’utilizzo di guanti e mascherine così come dispositivi di sanificazione su ogni tavolo. E sarà ovviamente necessario sanificare tavoli e sedie dopo ogni cliente.

Ma è anche divertente pensare di giocare con veri e propri elementi di plexiglass di grandi dimensioni per separare i tavoli creando giochi geometrici e giochi di luce, che diventino dei nuovi percorsi all’interno del locale, garantendo distanza sociale e una relativa sicurezza.”

La consumazione al bancone sarà possibile di nuovo nonostante il virus, ridisegnando gli spazi?

“Noi speriamo di sì: il bancone è spesso l’elemento centrale dei nostri progetti e la vera anima di un bar. Come dicevamo ci saranno degli accorgimenti da prendere come magari il plexiglass (ma facciamolo di design!) per separare gli avventori dagli operatori, ma speriamo si possa continuare a vivere il bancone di un bar, tra distanziamento sociale ed igienizzazioni frequenti.”

Cosa l’interior design può farci immaginare per un dehors a prova di contagio?

“Lo spazio esterno per chi ne dispone, sarà un’importante risorsa per affrontare i prossimi mesi. Perchè il distanziamento sociale diventa più semplice ed efficace e perché anche un ristorante, ad esempio, potrà sfruttare tale spazio per incentivare occasioni di consumo inesplorate (brunch, aperitivi, degustazioni).

Il trucco qui sta nel creare spazi che rispecchino la cura degli storici interni, magari con un pizzico di innovazione. Tavoli e sedie di design mixati ed un sapiente gioco di luci possono bastare per un effetto wow che incentivi l’instagrammabilità della location. Ci troveremo a frequentare molti locali dotati di spazi esterni di classe dove vivere momenti di relax e raccontarlo ad amici e parenti.

I costi con Restylit sono piuttosto accessibili, consulenza di interior design inclusa. Parliamo di cifre medie che vanno dai 1.500 ai 6.000 euro per realizzare dehor da sogno per un bar. Il costo varia ovviamente a seconda dei coperti, della tipologia d’arredo e della base da cui si parte (se possibile valorizziamo quanto già disponibile).”

Che cosa potete offrire ai gestori dell’hospitality in questo momento critico?

“In questo momento il supporto più grande, immediato ed accessibile che possiamo dare riguarda ovviamente l’arredo e il nuovo layout di locale e tavoli. Stiamo cercando di offrire questo servizio e consulenza gratuitamente a quanti più operatori di settore possibile, tutti quelli che ci acquistano nel nostro shop online. Abbiamo già lavorato ad alcuni gruppi di arredo a seconda del mood che si vuole dare plug & play pronti ad essere consegnati ed installati per un effetto wow.”

Leggi L’articolo originale o arreda il tuo locale online con il supporto gratuito dei nostri interior designer.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *